Una delle mie comete: Hale-Bopp - 1997 - Per tutti quelli che sognano spazi sconfinati.



Ricordo che faceva un freddo boia!
Ma del resto eravamo a marzo e la temperatura avrebbe dovuto essere perlomeno sopportabile, considerando il maglione e il K-Way che indossavo.
Ma il vento - contrariamente alle mie aspettative - era gelido e tagliente (non scherzo) a quota 1366 e con raffiche che mi costringevano a rannicchiarmi dietro l’auto, quando arrivavano, per evitare una vergognosa morte per assideramento.
Tra l’altro ero convinto che tutte le foto – per via del vento – sarebbero risultate mosse, che il vento avrebbe spostato il cavalletto. E invece no!
Questa ve la presento a memoria di quell’incredibile notte.




E anche questa:  
 


Fatte dal sottoscritto con una analogica Fujica STX-2 e pellicola Fuji 400 ASA. Posa di 5 minuti con teleobiettivo 200/3,5 e obiettivo normale 50/1,9. Inseguitore Vixen e cavalletto Manfrotto.

La Via Lattea invernale è prossima al tramonto; la costellazione sopra la cometa, quella a forma di W è Cassiopea; a sinistra l'ammasso di Alfa Persei. La Galassia di Andromeda è appena tramontata, sotto l'orizzonte. 
Fra Cassiopea e l'ammasso di Perseo si trova il Doppio Ammasso (NGC 884 e NGC 869). Tutti questi oggetti sono visibilissimi ad occhio nudo, se il cielo è buio.
La cometa ha due code (sono sempre due): quella azzurra è la coda di gas, ed è quella che si trova in direzione opposta al Sole; l'altra è la coda di polveri, che grossomodo segna la traiettoria vera della cometa.
La struttura visibile a destra è la cupola dell'Osservatorio di Cima Ekar.
Il cielo stellato può dare autentica emozione...
E non ditemi che rimanete impassibili di fronte a queste cose!
 
 
 
 

Commenti

  1. Ciao Gabriele! :) La cometa Hale-Bopp è passata mentre nasceva mio figlio, perciò le sono affezionata. Le tue foto le rendono giustizia. Quanto a rimanere impassibili di fronte a queste cose, non so come potrebbe accadere. Essere ignoranti in materia invece non è un'ipotesi tanto remota.

    RispondiElimina
  2. Vi ringrazio per i vostri interventi e...riguardo l'ignoranza sull'argomento, la cosa non mi sorprende! A volte mi son sentito rivolgere delle domande che non stanno né in cielo né in terra, sull'argomento.
    Purtroppo l'astronomia, anche a livello amatoriale, richiede un impegno non indifferente e ormai da tempo non riesco più e seguirla; in parte perché ho scoperto altre cose interessanti e in parte proprio per l'impegno che comporta...e magari potrebbe essere oggetto di un prossimo post!

    ciao!

    RispondiElimina

Posta un commento