Considerazioni linguistiche


Co sto post a vorìa far do considerassion su ła łengua che ognun de noialtri ga imparà da picoi inte ła so tera.
Za qua gavemo un pochi de problemi a parlar diałeto s-ceto, parfin in casa nol se parla come che el sarìa parchè se teme da far bruta figura: i xe boni a dirte che te si un boaro!

Tanto xe che parfin desso i putei ło parla sempre manco e me sa che fra un fià el diałeto ndarà a sparire.


A ogni modo, za da ste parti se vede che se parla difarente per question de pochi chiłometri, par dire: a Padova se dise “gheto”, a Treviso se dise “ghatu” e a Mestre “ti gà”.
E sarìa ła stessa paroła (in italiano sarebbe “hai?”, ma se in veneziano può valere anche come affermazione enfatica).
Ma za nea stessa provinsia gavemo che el diałeto de Vigonsa no l’è queo de Agna!
Dovì savere (i venessiani dirìa “saver”) che ghe xe anca dee espression che nel diałeto del paese vissin no ghe zè.


L’è sempre sta un problema: che se un veneto ghe dise a un bergamasco de ndarghe tore un sculiero o de ndare inte ea caneva a tore el sałame de mas-cio o nel broło par tore i sucoi (Nota 1), queo no gavaria miga capìo, ma gnanca noantri col so parlare (i termini in italiano sarebbero “cucchiaio”, “cantina”, “maiale”, “l’orto dietro casa” e “zucchine”)!
Dirìa che l’italian ghe voe, se voemo se capissa qualcossa de quel che se disemo in tei blog.


Desso, te pò mainarte cossa che sucedarìa se quatro omeni - uno de Padova, un furlan, un sardegnoło e un bergamasco – se mete a parlar co ła so łengua nativa…no i se capirìa miga.
Dito ciò, va anca ben che l’Academia de ła Crusca diga ła sua su ste robe, basta che no salta fora qualcuno a dirme che se dise “sindaca” o “soldata”: che l’italian gha łe so regoe e che łe sta ben cussì (o “cussita” se te si da Treviso).
Ti cossa disito?






Nota 1: mi sa tanto che il dialetto veneto è l’unico ad avere quattro coniugazioni, essendo “tore” l’infinito di “prendere”. Tra l’altro a quel che mi risulta questo è anche l’unico verbo esistente in -ore in dialetto veneto.

queste immagini non intendono violare alcun copyright, ciò!

Commenti

Post popolari in questo blog

Philip José Farmer, il fabbricante di universi

Recensione libro: “Le guarigioni del cervello” di Norman Doidge

Blog Tour "Come un dio immortale" - intervista a Maria Teresa Steri